Percorso 16: Verso la foresta di Bronaczów

Skawina, Chorowice (5 km) Mogilany (7,5 km) Riserva Kozie Kąty (12,5 km) Wola Radziszowska (22,5 km) Radziszów (27,5 km) Skawina (31 km)

31 km, 3 h, difficoltà - facile

Profilo altimetrico del percorso:

16

DESCRIZIONE:

Il percorso è facile, con poche salite, e si snoda su strade con buona pavimentazione. Iniziamo il viaggio dal Rynek a Skawina (1) (2) (3) (4), da cui ci dirigiamo verso est lungo via Słowaki. Superiamo la chiesa, poi l'incrocio con via Popiełuszki e proseguiamo dritto lungo via Korabnicka. Dopo 300 m svoltiamo in via Kopernika, poi via Wyspiańskiego, che ci porta a Chorowice. A Chorowice si oltrepassa sulla sinistra una cappella e, poco più avanti, i resti di un complesso padronale (5). All'incrocio con la strada Mogilany-Skawina c'è un bel panorama su Pogórze e sui Beskidy. Svoltiamo a sinistra e, in poco tempo, raggiungiamo il centro di Mogilany. Superiamo la chiesa (6), al "Rynek" giriamo a destra per vedere il complesso del maniero dei Konopka (Zespół Dworski Konopków) (7). Torniamo in centro, da dove seguiamo la pista ciclabile verde e lasciamo il villaggio comunale in via Mogilańska. Al posto di un marcato avvallamento svoltiamo a sinistra con una brusca curva e andiamo a sud lungo la strada sterrata a ridosso dei sentieri. Dopo una breve salita si svolta a destra sul crinale e si entra nel bosco. Al bivio dell'incrocio, dietro i sentieri, girare a sinistra, e un po' più avanti al bivio, a destra. Alla curva della strada, oltrepassiamo un gazebo e un sentiero rosso che porta, a destra, alla riserva Kozie Kąty (Rezerwat Kozie Kąty) (8). Mantenendoci sui sentieri verdi, raggiungiamo gli edifici di Podlesie. Vicino al negozio giriamo a sinistra (andando a destra possiamo accorciare il percorso), superiamo l'Ospedale di Riabilitazione dei Bambini ( Dziecięcy Szpital Rehabilitacyjny) e all'incrocio giriamo a destra seguendo la pista ciclabile rossa, giramo a sinistra 1 km più avanti. Saliamo a Ostra Góra e poi scendiamo a Wola Radziszowska. Svoltiamo a sinistra, superiamo un ruscello e raggiungiamo un bivio lungo una strada tortuosa. Svoltiamo a destra verso il centro di Wola Radziszowska e la chiesa in legno (9). Rimanendo sulla pista ciclabile ambrata (rowerowy szlak bursztynowy) attraversiamo due volte i binari della ferrovia e, lungo gli edifici di Radziszów (al centro c'è una chiesa storica (10) e un maniero ristrutturato), andiamo verso Skawina.

ATTRAZIONI LUNGO IL PERCORSO:

  • La chiesa parrocchiale di Skawina (1) - fu costruita ai tempi di Casimiro il Grande (Kazimierz Wielki), ma frequenti incendi fecero perdere la sua forma originale. La sua forma attuale è stata data dopo la sua ricostruzione nel 1826. Nel presbiterio si trovano due pregevoli e unici dipinti ottocenteschi "Svegliare i pastori" (Budzenie pasterzy) e "Prendere un pesce con le branchie d'oro" (Złowienie ryby ze złotymi skrzelami).
  • L’edificio della Società Ginnica"Sokół" a Skawina (2) - dal 1906, sorge sul sito di un castello fortificato costruito da Casimiro il Grande.
  • Il municipio (Ratusz) di Skawina (3) - dall'inizio del XX secolo. Oggi, Ufficio Comunale.
  • La chiesa filiale a Skawina (4) - probabilmente a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo. Servì come chiesa presso l'ospedale-ricovero fondato dai benedettini di Tyniec.
  • Il complesso padronale a Chorowice (5) – una struttura che comprende: un maniero, una cappella neogotica dell'inizio del XX secolo, una casa quadrupla, una stalla e un parco. Il maniero fu costruito nel 1905, fu ricostruito dopo il 1945 e il 1985. Apparteneva alle famiglie dei Raczyński, Deras e Doboszyński. Oggi, ospita una scuola. La cappella è del 1915.
  • La chiesa di Mogilany (6) - risale al 1604. Fu leggermente ampliata nel XIX e XX secolo e nella prima metà del XIX secolo circondata da una cinta muraria con campanile. L’arredamento è prevalentemente barocco.
  • Il maniero a Mogilany (7) - costruito alla fine del XVIII secolo sul luogo dell'antico palazzo. Nel 1567, Mikołaj Rej scrisse il suo “Zwierciadło” ("Specchio") e il terzo libro di “Żywot człowieka poczciwego” ("La vita di un brav'uomo") quando soggiornava qui.
  • La foresta di Bronaczów e la riserva di Kozie Kąty (8) - un complesso forestale che copre una collina allungata con un fitto bosco di faggi e abeti, tagliato da valli pittoresche. Parte della foresta è la riserva naturale forestale di Kozie Kąty..
  • La chiesa in legno a Wola Radziszowska (9) - della fine del XV secolo. All'interno vale la pena prestare attenzione ai portali gotici a punta e all'interno del XVII e XIX secolo.

    Kościół drewniany w Woli Radziszowskiej
  • La chiesa di Wola Radziszowska - eretta nel XV secolo, ricostruita dopo un incendio nel 1841. Gli arredi barocchi sono stati parzialmente conservati.

Mappa del percorso:

mapa

Legenda do map

Scarica i tracciati GPX